Chiudi
Carrello

Spese di spedizione gratuite a partire da 30€

Spedizione
Totale

Ordina

Originario dei deserti dell'America meridionale, l'olio vegetale di Jojoba viene utilizzato da secoli per le sue interessanti virtù. Lo si usa esclusivamente in ambito cosmetologico per la creazione di prodotti per la cura della pelle, in quanto esalta la bellezza del tessuto cutaneo. Le sue proprietà idratanti lo rendono adatto sia per le pelli grasse che per quelle secche grazie alla sua capacità di regolare e mantenere un equilibrio perfetto. Costituisce allo stesso modo un trattamento di idratazione intenso per tutti i tipi di capelli. Nome scientifico: Simmondsia chinensis Link. Parte utilizzata: noci.

Ultimo aggiornamento: novembre 2018

Perché l'olio di Jojoba non ha eguali in cosmetica?

Già, come mai, tra tutti gli oli vegetali che ci offre la natura, è proprio l'olio di Jojoba ad essere particolarmente apprezzato in ambito cosmetico? Come l'olio di Argan e quello di Mandorla Dolce, è molto utilizzato nel settore della cosmesi per diluire gli oli essenziali o altri potenti principi attivi.

Per la cronaca: l'olio di Jojoba è il sostituto storico dello "bianco di balena", o spermaceti per gli amici, ed è quindi grazie a quest'olio vegetale dalle proprietà straordinarie che oggi sulla Terra sopravvive ancora qualche capodoglio. Ma cos'ha la jojoba (e lo spermaceti, già che ci siamo) di tanto particolare da renderlo così ricercato? Tenetevi forte, non c'è niente di esagerato in ciò che segue!

Possiede una'eccezionale stabilità all'ossidazione e alle alte temperature

Potrà sembrare una cosa da poco, ma il maggiore problema dei cosmetici naturali nel mercato di massa è la cattiva conservazione dei prodotti naturali. L'olio di Jojoba risolve questo problema con brio grazie a due fattori:

  • La struttura molecolare particolarmente stabile: le lunghe catene di esteri che lo costituiscono reagiscono all'ossidazione in misura molto minore rispetto a quelle della maggior parte degli oli vegetali.

  • La presenza di antiossidanti. Allora, a tal proposito c'è da dire che gli esperti non hanno ancora un'idea precisa di ciò che succede: il tasso di tocoferoli, i composti che bloccano i radicali liberi che si trovano di solito negli oli vegetali che si conservano meglio, non ha niente di straordinario (50ppm – parti par milione). Questo non spiega quindi la straordinaria stabilità all'ossidazione dell'olio di Jojoba. Secondo gli esperti essa dipenderebbe invece dalla presenza di un antiossidante molto potente, ad oggi ancora sconosciuto.

Di conseguenza l'olio vegetale di Jojoba migliora nettamente la stabilità dei prodotti cosmetici di cui è un componente: sensazionale per un prodotto naturale, no?

È rinomato per la composizione chimica simile a quella del sebo umano

Forse questa rivelazione non vi sembrerà tanto entusiasmante quanto lo è per noi, ma vi assicuriamo che ha un'importanza capitale. Più avanti scopriremo il perché, ora occupiamoci del come.

In realtà solo gli acidi grassi dell'olio di Jojoba somigliano a quelli del sebo (e né l'uno né l'altro sono costituiti escusivamente da acidi grassi, quindi attenzione a non forzare la somiglianza...). La maggior parte degli oli vegetali è composta da acidi grassi con una catena di circa C18, ad esempio il famoso acido stearico; l'olio di Jojoba, invece, contiene acidi grassi le cui catene sono più lunghe, come l'acido eicosenoico (C20) e l'acido decosenoico (C22), le giuste dimensioni giuste per imitare quelle del sebo umano. OK, semplicissimo, ma per quanto ciò possa sembrare sorprendente, si tratta di una caratteristica rara. Questa somiglianza conferisce all’olio di Jojoba ottime proprietà emollienti (ammorbidisce e distende i tessuti), idratanti (penetra a fondo nella pelle) e non occlusive… proprio come il sebo, del quale può anche regolare la produzione, se necessario.

In poche parole, ciò che rende l'olio di Jojoba simile al sebo degli adulti (quello dei bambini non presenta le stesse caratteristiche) è la dimensione degli acidi grassi. È qualcosa di straordinario, che conferisce a quest'olio vegetale eccellenti proprietà, ma a volte si tende ad esagerare la somiglianza.

Dulcis in fundo: una composizione unica di cere

Le cere sono degli esteri composti da alcoli grassi e acidi grassi, e sono quelle che rendevano molto efficace il già citato bianco di balena (lo spermaceti contiene infatti palmitato di cetile, una cera molto utile). L'olio di Jojoba, contiene il 60% di cere. Sono questi esteri a catena molto lunga (C40) che gli conferiscono la sua inimitabile consistenza vellutata e simile alla cera, la sua stabilità, le sue proprietà protettive (la funzione principale delle cere vegetali in natura è quella di proteggere le piante) e lubrificanti, senza però ungere.

Segnaliamo che anche il sebo umano contiene esteri, ma molto più corti (C20), in percentuale minore (20%) e che soprattutto non sono cere! È per questo che anticamente si preferiva cacciare i capodogli piuttosto che accontentarsi del nostro sudore :-(

Riassuntino

L’olio di Jojoba è un ingrediente protagonista della cosmetica naturale per le seguenti proprietà:

  • ha una stabilità e una conservazione uniche;
  • è emolliente, idratante e non occlusivo;
  • lubrifica senza ungere;
  • protegge;
  • ha una consistenza unica.

What else?

2 utilizzi dell'olio di Jojoba

Acne
Applicazione cutanea: qualche goccia sul viso mattina e sera per regolare la produzione di sebo.
Capelli secchi
Applicazione cutanea: qualche goccia sulle punte secche e rovinate.

Scheda tecnica

Caratteristiche tecniche dell'olio di Jojoba

Caratteristiche biochimiche

Un buon olio vegetale di Jojoba deve contenere delle percentuali di componenti comprese fra i seguenti valori di riferimento:

  • acido beenico: < 1%
  • acido eicosenoicoo: 65-80%
  • acido erucico: 10-22%
  • acido nervonico: < 3,5%
  • acido oleico: 5-15%
  • acido palmitico: < 3%
  • acido palmitoleico: < 1%
Contiene naturalmente: vitamine A, B, C, D, E, H, K, PP

Caratteristiche organolettiche

Come si presenta un buon olio vegetale di Jojoba?

  • Aspetto: liquido oleoso
  • Colore: da giallo chiaro ad arancio
  • Odore: dolce, gradevole, note di nocciola

Caratteristiche fisiche

Un buon olio vegetale di Jojoba deve avere le seguenti caratteristiche:

  • Densità a 20° C: 0,863-0,873
  • Punto di infiammabilità: > 175° C
  • Indice di perossido: 10 mEq O2/kg
  • Grado di acidità: 2,5 mg KOH/g

Proprietà principali

Regola il pH della pelle: quest'olio vegetale mantiene l'equilibrio fisiologico del pH della pelle. Aumenta il basso pH della pelle secca e riduce quello troppo alto della pelle grassa.
Seboregolatore: quest'olio vegetale regola la produzione di sebo. A seconda del tipo di pelle, esso diminuisce o aumenta la sua produzione. Pertanto migliora l'aspetto della pelle grassa o affetta da acne (eccesso di sebo) e rivitalizza la pelle secca (mancanza di sebo). È anche una cura intensa per capelli grassi, secchi e sfibrati.
Emolliente: quest'olio vegetale dona morbidezza ed elasticità alla pelle. Agisce attivando il metabolismo dell'elastina e rallenta la perdita di acqua nelle cellule, aiutando quindi a combattere l'invecchiamento cutaneo e le rughe.
Protettivo: Questo olio vegetale protegge le cellule della pelle. Contiene un filtro solare (protezione 5) e permette anche la protezione dagli agenti patogeni attraverso il rafforzamento del film idrolipidico della pelle.
Il piccolo extra: contro l'acne, l'olio di Jojoba è perfetto in combinazione con l'olio essenziale di Tea Tree.
Modalità d'uso
Chi può usarlo
Conservazione

Conservare preferibilmente in luogo fresco, lontano da luce e fonti di calore.

L'articolo le è stato utile?

  

Voto medio 4.8 ( 13 voti )

Ci dispiace 🙁 !
Ha già valutato questa pagina..


Che tipo di problema ha riscontrato?








Quante stelline?

Inviato !
Grazie per la collaborazione 😊.

Ops, qualcosa è andato storto.
Riprova più tardi o contatta il nostro servizio clienti.

Bibliografia

PUBLICATION Kalscheuer, R., Stoveken, T., Luftmann, H., Malkus, U., Reichelt, R., & Steinbuchel, A. (2006). Neutral Lipid Biosynthesis in Engineered Escherichia coli: Jojoba Oil-Like Wax Esters and Fatty Acid Butyl Esters. Applied and Environmental Microbiology, 72(2
PUBLICATION Harry-O’kuru, R. E., Biresaw, G., Gordon, S., & Xu, J. (2018). Physical Characteristics of Tetrahydroxy and Acylated Derivatives of Jojoba Liquid Wax in Lubricant Applications. Journal of Analytical Methods in Chemistry, 2018, 1–12. https://doi.org/10.115
PUBLICATION Spencer, G. F., Plattner, R. D., & Miwa, T. (1977). Jojoba oil analysis by high pressure liquid chromatography and gas chromatography/mass spectrometry. Journal of the American Oil Chemists' Society, 54(5), 187–189. https://doi.org/10.1007/bf02676270
PUBLICATION Miwa, T. K. (1971). Jojoba oil wax esters and derived fatty acids and alcohols: Gas chromatographic analyses. Journal of the American Oil Chemists Society, 48(6), 259–264. https://doi.org/10.1007/bf02638458
PUBLICATION Picardo, M., Ottaviani, M., Camera, E., & Mastrofrancesco, A. (2009). Sebaceous gland lipids. Dermato-endocrinology, 1(2), 68-71.
SITE WEB Tiffany N. Oliphant, T. N. O. (2013). Skin Barrier Protection with Jojoba Esters. Consulté sur https://www.floratech.com/PDFs/Articles_MKT/ART06.pdf

Prodotto aggiunto al carrello
Quantità
Totale
Ci sono 0 articoli nel cestino C'è 1 articolo nel cestino

Spese di spedizione gratuite a partire da 30€

Prodotti totali
Imballaggio
Totale spese di spedizione 
Totale
Continua gli acquisti Controlla l'ordine
In regalo