Il nome scientifico "Lavandula stoechas" deriva da Stoichades, antico nome delle isole di Hyères, nel Mediterraneo, dove la pianta è molto diffusa allo stato selvatico. Tra i vari oli essenziali di Lavanda, quello di Lavanda Selvatica è il più adatto in caso di congestione bronchiale cronica, di sinusite e soprattutto in caso di otiti particolarmente forti. È indicato anche contro gli eczemi e l'acne giovanile. Nome scientifico: Lavandula stoechas L. Parte distillata: sommità fiorite.

L'olio essenziale di Lavanda Selvatica è ottimo in caso di...

Otiti gravi(adulti e bambini di 6+ anni).
Applicazione cutaneadiluire 1 goccia di olio essenziale in 4 gocce di olio vegetale e applicare intorno all'orecchio. Ripetere l'operazione 5-6 volte al giorno per 5 giorni.

Scheda tecnica

Proprietà principali

Mucolitico ed espettorante +++: i chetoni e gli epossidi terpenici dell'olio essenziale di Lavanda Selvatica facilitano la fluidificazione dei muchi e la successiva espulsione da bronchi e trachea, permettendo così di liberare le vie respiratorie.

Anticatarrale +++: questo olio essenziale stimola la secrezione di muco nelle vie respiratorie: processo importante che permette di evitare potenziali infiammazioni. Questa azione anticatarrale viene ad aggiungersi, completandole, alle proprietà mucolitiche ed espettoranti appena citate.

Antibatterico +++l'1,8-cineolo e il linalolo contenuti in questo olio essenziale aiutano a combattere i batteri. Agiscono in particolar modo su: Staphylococcus aureusCampylobacter jejuniE. coli e Listeria monocytogenes

Antinfiammatorio ++: l'1,8-cineolo e il linalolo sono in grado di modulare la risposta del corpo in caso di attacco esterno (infiammazione) e di calmare le sensazioni di calore e rossore che ne possono risultare.

Cicatrizzante ++: il fencone e la canfora favoriscono la cicatrizzazione attraverso un'accelerazione della rigenerazione cellulare in caso di ferite.

Proprietà secondarie

  • azione tonica a basso dosaggio

Caratteristiche tecniche

Un buon olio essenziale di Lavanda Selvatica deve contenere delle percentuali di componenti comprese fra i seguenti valori di riferimento:

  • fencone: 25-42%
  • canfora: 12-28%
  • 1,8-cineolo: 10-16%
  • linalolo: 2-14%
Caratteristiche fisiche

Un buon olio essenziale di Lavanda Selvatica deve possedere le seguenti caratteristiche fisiche:

  • Densità a 20° C: dallo 0,922 allo 0,950
  • Indice di rifrazione a 20 ° c: dall'1,465 all'1,475
  • Potere rotatorio a 20° C: da +12° a +35°
  • Punto di infiammabilità: +76° C
Caratteristiche organolettiche.

Come si presenta un buon olio essenziale di Lavanda Selvatica?

  • Aspetto: liquido chiaro e mobile
  • Colore: da giallo chiaro a tendente all'arancio
  • Odore: campestre, amaro ed erbaceo

Precauzioni d'uso

Chi può usarlo

Modalità d'uso

Rischi legati all'uso

Rischi esclusi

Altre precauzioni

Controindicazioni
  • Questo olio essenziale è controindicato nei soggetti affetti da disturbi cardiaci.
  • Questo olio essenziale è altamente abortivo, è quindi vietato alle donne in gravidanza.
Parere medico
  • L'assunzione per via orale di questo olio essenziale è consentita solo dietro prescrizione medica.
  • Le persone asmatiche devono consultare un medico prima di utilizzare questo olio essenziale.
  • Per i bambini, l'utilizzo è possibile su consiglio medico.
Applicazione cutanea
  • Diluire l'olio essenziale di Lavanda Selvatica in una concentrazione al 20% prima di applicarlo sulla cute (20% di olio essenziale e 80% di olio vegetale).
  • In caso di uso prolungato, può presentare rischi di allergie nei soggetti particolarmente sensibili.
Componenti allergenici

L'olio essenziale Lavanda Selvatica contiene due componenti biochimici allergenici:

  • linalolo (2-14%)
  • limonene (≤ 3%)


Nota: consigliamo di testare l'olio essenziale prima dell'utilizzo (applicare due gocce nell'incavo del gomito e attendere almeno 24 ore per assicurarsi che non si verifichino reazioni allergiche).


L'articolo ti è stato utile?

  

Voto medio 4.5 ( 13 voti )