Chiudi
Carrello

Spese di spedizione gratuite a partire da 30€

Spedizione
Totale

Ordina

I chiodi di garofano si ottengono da un albero originario del Sud-Est asiatico, e una volta distillati producono un potente olio essenziale. Quest'ultimo è utilizzato soprattutto per le sue proprietà analgesiche ed è il più adatto per curare ogni tipo di mal di denti: afte, carie, ascesso, pulpite, qualunque sia la causa potrete dire addio al dolore! Noterete anche il sapore dell'eugenolo, tipico degli studi dentistici. L'olio essenziale di Chiodi di Garofano è anche un ottimo antinfettivo e antiparassitario: lo si utilizza per lottare contro la scabbia o, in casa, contro alcuni insetti. Nome scientifico: Eugenia caryophyllus (Sprengel)Parte distillata: boccioli floreali (chiodi di garofano)

Ultimo aggiornamento: ottobre 2018

Per saperne di più sui chiodi di garofano

È un fungo disintegrato? Un seme cremisi?

Nessuna delle due! I chiodi di garofano non sono altro che... fiori! Pensate che vi prendiamo in giro? Niente affatto! La verità è che questo cosuccio striminzito ne ha viste tante: da giovane era un bocciolo di colore rosso acceso, rosa scuro o addirittura bianco, e prima di ritrovarsi nei nostri bicchieri vin brulè come spezia che ci riscalda nelle fredde serate invernali si godeva tranquillamente il sole tropicale su un albero di 20 m.
I chiodi di garofano sono quindi boccioli fiorali dell'albero conosciuto come Eugenia caryophyllus, che vengono fatti essiccare per diventare la spezia che tutti conosciamo. C'è addirittura chi pensa che abbiano proprietà magiche: bruciati come incenso, avrebbero il potere di scacciare le forze ostili, migliorare la spiritualità e soprattutto di portare ricchezza. Potete provare a mettere due o tre chiodi di garofano nel portafoglio, senza che diventi però un chiodo fisso!

Dall'India alle Molucche alla Francia

L'albero da cui si ricavano i chiodi di garofano cresceva prevalentemente in Asia, e veniva citato già nel II secolo a.C. nel Rāmāyaṇa, poema epico dell'induismo. In Cina, all'epoca della dinastia Han (220 d.C. circa), il commercio dei chiodi di garofano era una fonte di guadagno sicura: questa spezia era utilizzata in diversi piatti e anche, ad esempio, per rinfrescare l'alito prima di poter parlare all'imperatore. Attraverso gli scambi commerciali, i chiodi di garofano arrivarono fino agli Arabi e ai Romani, e divennero molto di moda in Europa durante il Medioevo.
Durante il Rinascimento, in Europa vi fu un ritorno in auge dei chiodi di garofano. Nel 1511, i portoghesi invasero l'arcipelago delle Molucche per ottenere il monopolio sul commercio di questa spezia, arrivando perfino a bruciare gli alberi dei paesi colonizzatori rivali. Pierre Poivre, un francese che viveva nell'isola di Mauritius riuscì a recuperare delle piante durante le sue spedizioni e a farle acclimatare in Francia e nelle Antille. Oggi i chiodi di garofano sono utilizzati in cucina, ma anche nella preparazione di alcuni tè, deodoranti per ambienti, cosmetici, e come afrodisiaco. I principali produttori sono l’Indonesia, il Madagascar e le isole Comore.

Secondo un'antica tradizione cristiana, i chiodi di garofano simboleggiano inoltre i chiodi della Crocifissione di Cristo.

Curiosità

I giovani boccioli di garofano se la godono sotto il sole tropicale, e vengono raccolti quando sono ancora nel pieno della giovinezza, appena prima della fioritura, al mattino, rigonfi di freschezza, per venire poi essicati al sole finché non assumono il tipico colore marrone scuro con cui li conosciamo. Sono caratterizzati da infiorescenze a pannocchia dal profumo molto intenso. 

La crescita degli alberi è relativamente rapida, e una singola pianta diviene redditizia dopo circa tre anni: produce da 7 a 10 kg di chiodi all'anno, e la resa nella distillazione dell'olio essenziale è elevatissima (può arrivare fino al 20%!).

Oggi è si può creare un "pomo d'ambra" (antico oggetto medievale che serviva da profumo che si indossava intorno al collo) casalingo semplicemente inserendo qualche chiodo di garofano in un'arancia ancora fresca e lasciandola seccare naturalmente in un posto ventilato: si ottiene così un piccolo oggetto dal profumo caldo e aromatico.

L'olio essenziale di Chiodi di Garofano è ottimo in caso di...

Mal di denti
Applicazione cutanea : 1 goccia pura all'interno della bocca sulla zona dolorante, 5 volte al giorno per 3 giorni.

Scheda tecnica

Proprietà principali

Analgesico +++: l'olio essenziale di Chiodi di Garofano contiene eugenolo, una molecola più potente della lidocaina, un anestetico locale che agisce sulla trasmissione dell'informazione nervosa. In altre parole, l'eugenolo blocca la trasmissione del dolore; questo olio è particolarmente efficace contro il mal di denti.

Antinfettivo +++: l'eugenolo è molto efficace anche in caso di infezioni intestinali, urinarie o respiratorie. L'eugenolo ha un'azione battericida rapida. È particolarmente attivo sulla flora orale. È in grado di distruggere i seguenti germi: Pyogenes aureus, Staphylococcus aureus, Klebsiella pneumoniae, Lactobacillus acidophilus odontolyticus, Escherichia coli, Monilia albicans.

Antimicotico ad ampio spettro +++: grazie all'eugenolo, l'olio essenziale di Chiodi di Garofano distrugge i funghi all'origine di alcuni tipi di micosi. In particolare è attivo contro: Cryptococcus neoformans, Dermatophytes sp., Microsporum canis, Microsporum gypseum, Trichophyton mantagrophytes, Trichophyton rubrum.

Antinfiammatorio e antiossidante + : questo olio essenziale inibisce le molecole coinvolte nel processo infiammatorio che si innesca nell'organismo in caso di attacco esterno (infiammazione) e calma la sensazione di calore e il rossore che ne possono risultare.

Antispastico +: l'olio essenziale di Chiodi di Garofano è un buon rilassante muscolare grazie all'azione dell'eugenolo e dell'acetato di eugenile; interviene nei processi nervosi all'origine degli spasmi dei muscoli lisci.

Proprietà secondarie

  • antiaggregante piastrinico
  • calmante e sedativo
  • antipediculosi
  • acaricida

Caratteristiche tecniche

Caratteristiche biochimiche

Un buon olio essenziale di Chiodi di Garofano deve contenere delle percentuali di componenti comprese fra i seguenti valori di riferimento:

  • eugenolo: 72-88%
  • acetato di eugenile: 4-22%
  • ß-cariofillene: 2-14%

Caratteristiche fisiche

Un buon olio essenziale di Chiodi di Garofano deve possedere le seguenti caratteristiche fisiche:

  • Densità a 20° C: dall'1,042 all'1,065
  • Indice di rifrazione a 20° C: dall'1,528 all'1,538
  • Potere rotatorio a 20° C: da -2° a 0°
  • Punto di infiammabilità: +93° C

Caratteristiche organolettiche

Come si presenta un buon olio essenziale di Chiodi di Garofano?

  • Aspetto: liquido più o meno viscoso
  • Colore: da giallo chiaro a giallo
  • Profumo: speziato, tipico dell'eugenolo

Precauzioni d'uso

Attenzione! L'utilizzo di quest'olio essenziale è vietato per le donne in gravidanza o allattamento, per i neonati e i bambini sotto i 6 anni di età. Può essere utilizzato esclusivamente per via cutanea o diffuso nell'ambiente. L'assunzione per via orale è possibile su prescrizione medica. Per via della sua azione dermocaustica e irritante per la pelle, è necessario utilizzarlo sempre diluito, per periodi di tempo non troppo lunghi e preferibilmente previa consulenza medica. Non deve essere utilizzato se si segue una terapia con farmaci anticoagulanti. Prestare inoltre attenzione alle elevate percentuali (superiori all'80%) di eugenolo, un componente allergenico.

Chi può usarlo

Modalità d'uso

Rischi legati all'uso

Rischi esclusi

Altre precauzioni

Controindicazioni

  • È controindicato in caso di trattamento farmacologico a base di anticoagulanti.
  • Le persone affette da ipertensione devono utilizzarlo con estrema cautela poiché può aumentare la pressione sanguigna.

Via orale

  • Quest'olio essenziale può essere utilizzato in cucina se precedentemente diluito in una sostanza contenente grassi (olio, panna, yogurt, latte) o zuccheri (sciroppi aromatizzati, miele).
  • Non ingerire l'olio essenziale puro.

Applicazione cutanea
L'olio essenziale di Chiodi di Garofano è irritante per la pelle. Si consiglia pertanto di diluirlo in un olio vegetale in una concentrazione del 20% (20% di olio essenziale e 80% di olio vegetale) prima di applicarlo sulla pelle.
Parere medico

  • Non va assunto per via orale senza prescrizione medica.
  • Non usare questo olio essenziale su parti del corpo estese senza aver consultato un medico.
  • È possibile utilizzarlo su bambini e neonati nella cura di disturbi orali solo ed esclusivamente se diluito e su consiglio di un medico.
  • È vietato per donne in gravidanza senza prescrizione medica e deve ad ogni modo essere precedentemente diluito.
  • Può essere prescritto come sostegno psicologico durante il parto (diluito per uso cutaneo o, in casi eccezionali, per via orale).

Diffusione nell'ambiente

Quest'olio essenziale è irritante per le vie respiratorie. È quindi necessario diluirlo in una concentrazione al 5-10% in altri oli essenziali (5-10% olio essenziale di chiodi di garofano e 90-95% di altri oli essenziali).

Componenti allergenici

L'olio essenziale di Chiodi di Garofano contiene due componenti biochimici allergenici, di cui uno in quantità molto elevate: 

  • eugenolo (attenzione! 72-88%)
  • isoeugenolo (≤ 0, 1%)

Nota: consigliamo di testare l'olio essenziale prima dell'utilizzo (applicare due gocce nell'incavo del gomito e attendere almeno 24 ore per assicurarsi che non si verifichino reazioni allergiche).

L'articolo le è stato utile?

  

Voto medio 5 ( 4 voti )

Ci dispiace 🙁 !
Ha già valutato questa pagina..


Che tipo di problema ha riscontrato?








Quante stelline?

Inviato !
Grazie per la collaborazione 😊.

Ops, qualcosa è andato storto.
Riprova più tardi o contatta il nostro servizio clienti.


Prodotto aggiunto al carrello
Quantità
Totale
Ci sono 0 articoli nel cestino C'è 1 articolo nel cestino

Spese di spedizione gratuite a partire da 30€

Prodotti totali
Imballaggio
Totale spese di spedizione 
Totale
Continua gli acquisti Controlla l'ordine
In regalo